giovedì 26 marzo 2015

Pendolarismi. Il 'neo melodico' da viaggio

Pensavo di avere visto e sentito quasi tutto su un treno. Mi sbagliavo: non avevo ancora incrociato il cantante neo melodico. Un'ora ininterrotta di gorgheggi. Una nenia a voce medio bassa continua. Nemmeno la ragazzetta al telefono con il fidanzato lo scalfisce: se lei alza il tono, lui lo alza ancor di più. Tra un piezz' e core e l'altro ormai non c'è verso di farlo smettere. Mario Merola lo adorerebbe. Mario Merola.

Nessun commento:

Posta un commento